ArteRaku.it - Idee in Volo di Riccardo Dalisi - a cura di Cintya Concari e Roberto Marcatti

Idee in Volo di Riccardo Dalisi

a cura di Cintya Concari e Roberto Marcatti  dal 16/06/2016 al 31/12/2016

MUST Museo Storico Città di Lecce Via degli Ammirati, 11 Lecce (LE)


Idee in Volo di Riccardo Dalisi Un vero e proprio excursus sulla cultura del progetto attraverso la ricerca, la manualità artigianale e l’utilizzo dei materiali poveri. Architettura, scultura, pittura, design, materiali e disegni sono i concetti scanditi nelle cinque sale del Museo che ospitano progetti, prototipi, creazioni artistiche che parlano dell'uomo e della sua realtà.
Attraversando i diversi spazi si riflette sull’importanza di tematiche di primaria attualità come il riciclo, la decrescita e l’eco-compatibilità. Riccardo Dalisi è stato, infatti, uno dei primi architetti/artisti italiani a riformulare il concetto di sostenibilità applicandolo al design industriale; il lavoro di ricerca dell’architetto napoletano si è sempre concentrato sul “design povero”, lavorando materiali comuni con manualità artigiana, sperimentando animazioni con la partecipazione di bambini e anziani dei quartieri poveri di Napoli e unendo la ricerca alla didattica e la vocazione artistica al valore sociale e politico. Atti creativi, partecipazione, suggestioni, anti-design, parole che trovano un rinnovato eco nel tema della “Decrescita”, già affrontato da autori come Serge Latouche. Come dice però autorevolmente Gillo Dorfles: “è Riccardo che ha inventato l’arte povera molto prima che questa diventasse una corrente ufficiale.”
Riccardo Dalisi interagisce sull’ambiente circostante attraverso un’architettura programmata nella quale l’elemento naturale del verde diventa obbligatoriamente parte integrante del costruito. Un’architettura capace di auto generarsi per allontanare il degrado urbano, un’architettura in cui l’architetto deve intervenire nel mondo circostante operando un nuovo “Rinascimento” del pensiero, dei valori e delle opere, nello sforzo di reintegrare il delicato equilibrio uomo/natura. Un precursore, Riccardo Dalisi, che ha assemblato materiali poveri e di riciclo - come latta, carta, rame, ferro, lamierino, ceramica, vetro, legno e stoffa - trasformandoli, con pazienza e capacità artigianali in vere opere d'arte. La mostra ripercorre inoltre il periodo in cui Dalisi ha fuso arte e design, in cui tutto il suo mondo di artista si è espresso in sculture “caffettiere”. Nel 1979, infatti, incaricato dall’azienda Alessi di disegnare una versione della classica napoletana, inizia il suo lavoro di ricerca che lo porterà, nel 1981, a vincere il prestigioso Premio Compasso d’Oro. Dai continui prototipi inventati nel quotidiano rapporto con i lattonai e i ramaioli di Rua Catalana a Napoli, nascono nuovi usi e funzioni della sua caffettiera, icona di un'opera buffa del design. E grazie alla sua ricerca espressiva - che spazia nel mitico, nell’arcaico e nel sacro - si è potuti entrare nella storia di un popolo, nell'anima di una città attraverso un processo di analisi storica e sociologica nel quale le caffettiere si sono animate diventando produzione fantastica. Ultimo riconoscimento, nel 2014, il Premio Compasso d’Oro alla Carriera, per la sua vita professionale dedicata alla cultura del progetto.



Con l'Arte, per l'Arte

Cosa vedere oggi

Sostieni ArteRaku.it


Lavoriamo condividendo passione e cultura organizzando mostre, workshop e lezioni gratuite perchè crediamo che solo la cultura renda relamente liberi.
Collabora partecipando alle nostre mostre, aiutandoci attivamente all'organizzazione delle stesse o sostetendoci con un piccolo contributo.

Mailing list

Per ricevere aggiornamenti e news su corsi, mostre, eventi e workshop relativi a ArteRaku.it iscriviti alla mailing list